Acqua potabile

Approvvigionamento d’acqua, il più grande consumatore d’elettricità del Comune.                                                                                                          Le reti di approvviggionamento idrico forniscono la fonte principale della nostra vita: l’acqua potabile. Le reti di acqua potabile hanno un fabbisogno di elettricità elevato che corrisponde a più del 20% del fabbisogno per le mansioni pubbliche dei comuni.A prima vista i costi energetici dovuti all’approvvigionamento idrico sono in proporzione solo una piccola parte dei costi totali. Ma se li si misura ai costi di sfruttamento variabili arrivano al 20%. Con un’ottimizzazione sistematica del funzionamento delle reti e l’utilizzo di pompe efficienti, il fabbisogno di energia e di conseguenza i costi energetici per la fornitura possono essere ridotti in modo significativo. In certi Comuni c’è la possibilità di far scorrere l’acqua potabile nelle condotte per la produzione di elettricità o calore (teleriscaldamento), questo senza pregiudicare la qualità dell’acqua potabile.

Nuovo programm d'incentivazione teleriscaldamento con recupero di calore dalle acque di scarico                                                                              Grazie al nuovo programma d’incentivazione, i teleriscaldamenti possono beneficiare da subito dei medesimi incentivi ma a condizioni molto semplificate. È attualmente in elaborazione l’estensione del programma d’incentivazione per teleriscaldamento con impianti a legna, pompe di calore, calore residuo industriale, calore da IIRU o per l’ampliamento di reti.

Consulenza neutrale d'adempimento dell' articolo sui grandi consumatori     L'articolo sui grandi consumatori di energia (AGC)è stato, risp. sarà applicato nella maggiore parte dei Cantoni. L’AGC riguarda tutti i grandi consumatori ovvero quegli stabilimenti il cui consumo di corrente superi i 0,5 GWh o i cui consumi di energia termica superino i 5 GWh. Esistono tre varianti per l'adempimento dell'articolo sui grandi consumatori:

- Accordo universale sugli obiettivi (AUO)

- Accordo cantonale sugli obiettivi (ACO)

- Analisi del consumo energetico (ACE)

Se gli IDA e AI scelgono le varianti cantonali ACO e ACE e non hanno una figura professionale di accompagnamento, gli operatori possono all'occorrenza chiedere il supporto di InfraWatt in particolare per rispettare i requisiti dell' articolo sui grandi consumatori. Per questo articolo InfraWatt ha elaborato delle raccomandazioni per IDA e AI.

Analisi di dettaglio – strumento comprovato
A  causa del grande consumo di energia rilevato, un numero elevato di centrali idriche hanno fatto eseguire un’analisi energetica di dettaglio.  L'analisi ha dimostrato che tutti gli impianti potevano effettuare un notevole risparmio energetico e che gli investimenti a questo fine sarebbero stati coperti dal risparmio stesso. È dunque utile effettuare delle analisi di dettaglio in modo sistematico di tutte le centrali idriche. Queste analisi di dettaglio e le misure di risparmio in corso possono portare alla partecipazione di progetti di grandi dimensioni tramite gare di ProKilowatt. (info@infrawatt.ch).

Analisi delle pompe
Il consumo energetico di una pompa è responsabile di oltre il 90 % dei costi totali nel corso della sua vita, gli investimenti, al contrario, sono quasi trascurabili.  È pertanto necessario, in caso di  progettazione della pompa, considerare la sua efficienza energetica. Le esperienze dimostrano che una pianificazione professionale può far risparmiare dal 10 % al 30 % dei costi di elettricità. Per questa ragione è stata  sviluppata per conto del UFE un’analisi delle pompe. Durante un primo passo può essere effettuata un’analisi generica di tutte le pompe di una centrale idrica per evidenziare quali hanno un potenziale energetico rilevante ed è quindi necessaria la loro sostituzione o se si deve valutare di effettuare un’analisi di dettaglio.

Produzione di energia elettrica da acqua potabile
Le prime stazioni di acqua potabile furono costruite da albergatori engadinesi già 100 fa. Nel frattempo in Svizzera sono stati realizzati più di 100 impianti di acqua potabile. Grazie all’utilizzo di analisi di massima e della rimunerazione a copertura dei costi  per l’immissione di energia in rete (RIC), gli impianti di acqua potabile hanno avuto un grande incremento negli ultimi anni. Grazie alla RIC anche le piccole stazioni diventano economicamente interessanti. Se una stazione di acqua potabile non volesse sfruttare il proprio potenziale questa potrebbe cedere il finanziamento, la costruzione e lo sfruttamento delle turbine ad un imprenditore specializzato. InfraWatt offre una consulenza ai responsabili degli impianti di acqua potabile per questioni relative alla RIC, alle condizioni  e la prassi amministrativa per il finanziamento per stazioni di acqua potabile.

Attualità 2016: Gli esercenti degli impianti in lista d'attesa dovranno aspettare molti anni per poter beneficiare della promozione. Gli impianti in lista d'attesa continueranno ad essere presi in considerazione in base alla data di notifica, dando la precedenza a quelli pronti per essere realizzati oppure già in esercizio. Neanche con un aumento del tetto massimo di spesa nell'ambito della Strategia energetica 2050 si può oggi garantire che tutti gli impianti in lista d'attesa potranno essere ammessi a beneficiare della promozione.

Analisi globale di un impianto su acquedotto                                             InfraWatt, grazie al sostegno dell’UFE, è in grado di offrire contributi finanziari per le analisi globali ad impianti di potabilizzazione. L’analisi globale è utile quando sono soddisfatte le condizioni minime per un’operazione economica. Il limite inferiore è fissato dalla RIC con una produzione annuale di circa 10’000kWh annui. Per stimare il potenziale di produzione di energia elettrica , può essere applicata la seguente formula semplificata: altezza di caduta utilizzabile (in metri) x quantità media di acqua (in litri / min) = produzione di energia elettrica all'anno (kWh / a).

Compili il modulo di richiesta che trova in allegato per un’analisi globale.

AllegatoDimensione
Scheda informativa RIC Biomassa, energia eolica, piccole centrali idroelettriche e geotermia.pdf265.15 KB
Specialiste_testo di energia.pdf30.72 KB
Grandi consumatori_2015_it.pdf243.58 KB
Prontuario1-3_piccolecentraliidrauliche.pdf227.52 KB
Richiesta analisi sommarie.doc289 KB